fbpx
Seleziona una pagina

I libri ci vengono in aiuto anche quando ci sentiamo in una fase di stanchezza creativa. Questi tre in particolare mi hanno aiutata in momenti in cui ero completamente senza idee; è per questo che te li consiglio se anche tu senti il bisogno di ricaricare la tua creatività. 

Draw every day, draw every way

di Jennifer Orkin Lewis

L’autrice, conosciuta sui social come @augustwren, ha letteralmente costruito la propria carriera sulle art challenge e sulla pratica quotidiana dello sketchbook. Disegnando 30 minuti ogni giorno per un anno, Jennifer ha ottenuto due risultati: per prima cosa ha messo insieme un body of work di 365 disegni (non male come base per costruire un bel portfolio) e seconda, non meno importante, ha nettamente migliorato la sua tecnica.

Ma come si fa a disegnare ogni giorno senza rimanere a corto di idee? Ecco cosa devi fare: ritagliati 30 minuti di tempo ogni giorno; a suggerirti un soggetto da disegnare ci pensa questo libro. È diviso in 12 capitoli, uno per ogni mese. Ogni capitolo ti propone una tecnica (ad esempio pennarelli, matite, penna gel, …) e un tema (natura, cibo, oggetti, personaggi, …) e ogni giorno contiene un suggerimento specifico all’interno di quel tema.

Perché leggere questo libro: 

  • ti suggerisce cosa disegnare se sei a corto di idee
  • ti incoraggia a sperimentare tecniche diverse dalle tue abituali
  • ti invita ad abbracciare errori e imperfezioni
  • si può usare liberamente, saltellando da un capitolo all’altro
  • ti spiega le varie tecniche a ogni inizio capitolo
  • è adatto a tutti, principianti e professionisti

Perché non leggerlo: 

  • non ti piace l’idea di dipingere direttamente su un libro
  • non hai mai sopportato le art challenge

Creative Flow

di Jocelyn De Kwant illustrato da Sanny Van Loon

Il fatto che contiene 365 suggerimenti potrebbe indurti a pensare che questo libro sia simile al precedente, e invece è diversissimo: non è pensato né come esercizio di stile né come una challenge. Piuttosto, consideralo come una sorta di diario quotidiano, e anche molto intimo.

Creative Flow si pone l’obiettivo di esplorare l’aspetto terapeutico e meditativo del disegnare. L’autrice Jocelyn De Kwant, una delle redattrici di Flow Magazine, dice di essere uscita da un esaurimento nervoso proprio grazie al disegno. Giorno dopo giorno la Kwant ti accompagna per mano attraverso un percorso personale e di conoscenza di te dove oltre al disegno ti vengono proposti esercizi di contemplazione e di scrittura. Per certi aspetti, mi ha ricordato Come diventare un esploratore del mondo di Keri Smith – solo, pensato per adulti. E più minimalista.

Perché leggere questo libro:

  • hai bisogno di rallentare e ritagliare un po’ di tempo per te
  • ti piace l’idea dell’arte come terapia
  • vuoi ritrovare la felicità nelle piccole cose
  • vuoi trovare stimoli creativi nei luoghi più inaspettati
  • ti piacciono i concetti di mindfulness, gratitudine, hygge

Perché non leggerlo: 

  • non sei un fan del minimalismo
  • è tutto troppo hipster

Ladies drawing night

di Julia Rothman, Rachael Cole, Leah Goren

Questo libro documenta le serate di tre illustratrici americane e del loro circolo di disegno. Le autrici raccontano del loro appuntamento settimanale per ritrovarsi a disegnare insieme solo per il piacere di farlo, senza imposizioni da parte di nessun committente. Ingredienti delle loro serate: colori, pennelli, chiacchiere, vino a fiumi. Coinvolgendo di volta in volta artiste diverse, le tre amiche si ritrovano nei loro appartamenti newyorkesi, decidono un tema per la serata e danno il via alle sperimentazioni. In pratica una specie di Sex & the City versione artistica.

Entusiaste per questa loro esperienza, oltre a documentare con foto bellissime le loro serate, le autrici danno suggerimenti per organizzare un circolo di disegno, con tanto di consigli pratici: che materiali portare, cosa disegnare, come apparecchiare la tavola. Credimi, questo libro ti farà venire immediatamente voglia di telefonare alle tue amiche artiste e organizzare subito la prima riunione.

Perché leggere questo libro:

  • lavori sempre nell’isolamento del tuo studio e per cambiare vorresti un po’ di vita sociale
  • ogni occasione è buona per festeggiare
  • pennelli e vino sono una combo vincente

Perché non leggerlo: 

  • disegni solo per lavoro e nel tuo tempo libero vuoi fare altro
  • sei un tipo poco socievole
  • temi di pucciare il pennello nel bicchiere di vino per errore

Iscriviti per ricevere i post appena vengono pubblicati

Seleziona in che modo mi autorizzi a contattarti:

GESTI E SCORCIATOIE DI PROCREATE

Controlla l'email! Ti ho mandato un messaggio.